lunedì, 20 Maggio 2024

Scania Winter Test 2023, sfida fra i ghiacci

Lungo le strade ghiacciate attorno a Trysil, località a nord-est di Oslo, in Norvegia, si è svolto lo Scania Winter Test, la manifestazione organizzata dalla Casa svedese per dimostrare le capacità dei propri camion nelle condizioni operative del grande Nord. L’appuntamento 2023, come i precedenti unico nel suo genere nel settore automotive, ha riservato non poche sorprese. Sia per le caratteristiche dei mezzi in prova, sia per la presenza di veicoli a trazione elettrica – in particolare, tre 25 P in configurazione 4×2 e 6×2 con diverse tipologie d’allestimento – per i quali le temperature sottozero rappresentano un test ancora più sfidante. Peraltro brillantemente superato, grazie ai sistemi di climatizzazioni dei pacchi batterie, che hanno consentito agli accumulatori di lavorare ai livelli termici ottimali e di fornire le prestazioni attese dai progettisti. Accanto ai 25 P, un’ampia gamma di camion con motorizzazioni diesel sia in versione trattore, sia come autotelai cabinati e un G 410 8×4 con propulsore a gas naturale compresso da 410 Cv. Fra le numerose novità di prodotto, da segnalare un trattore 770 S 6×4 con motorizzazione V8 DC 16 123 da 770 CV, dotato di cabina CS23H XL, allungata di 27 centimetri rispetto alla versione standard. Indipendentemente dalla motorizzazione e dalla configurazione di assi, la guida su strade ghiacciate richiede particolari cautele. Non bastano, infatti, gli pneumatici specifici winter-winter studiati per climi artici ad assicurare il grip sui fondi a bassa aderenza.

Occorre sempre una guida predittiva con l’inserimento dei bloccaggi dei differenziali – dapprima quelli longitudinali, poi i trasversali – prima che le condizioni di aderenza diventino critiche. In fase di frenata, meglio affidarsi alla funzione brake-blend – lo si fa agendo su un pulsante posto all’estremità della leva multifunzione situata sul lato destro della colonna dello sterzo – che fa intervenire contemporaneamente, dosandone l’intensità, l’impianto di servizio, il freno motore e il retarder. In occasione del Winter Test, Scania ha presentato il progetto Pilot Partner. E’ un piano che rientra nella strategia della Casa svedese per promuovere la trasformazione energetica in atto nel settore automotive, attraverso la collaborazione con aziende di trasporto e logistica disposte a testare soluzioni alternative al diesel. Come ha affermato Tony Sandberg, Direttore del progetto Pilot Partner: “Scania vuole guidare il cambiamento verso un trasporto sostenibile sia perseguendo obiettivi di decarbonizzazione basati su evidenze scientifiche, sia sperimentando su strada mezzi non convenzionali a batterie (BEV) con l’aiuto di partner selezionati, fra i quali Jula Logistics, SCA, Wibax, Boliden, LKAB, Flora DAGAB”. I target d’abbattimento della CO2 prevedono una riduzione del 50% entro il 2025 (rispetto al 2015 preso come anno di riferimento) delle emissioni causate dalla attività industriali del costruttore svedese e un -20% di quelle determinate dai camion immessi sul mercato. La sperimentazione in condizioni operative reali di mezzi realizzati in piccola serie richiede un approccio al business molto diverso dal passato. Per guidare il cambiamento, il brand del Grifone vuole guardare al futuro dal punto di vista di una start-up, pur utilizzando il leveraggio dell’intera organizzazione Scania per condividere esperienze e rischi con le aziende di trasporto partner.

#scania.com

Latest article