giovedì, 18 Aprile 2024

Pneumatici ricostruiti, Michelin Italia premia 29 flotte

Più coperture ricostruite, meno utilizzo di materie prime e meno emissioni di CO2 nell’ambiente. E’ questa la filosofia alla base dell’Attestato per la gestione sostenibile dei pneumatici consegnato da Michelin Italia a 29 flotte nazionali che hanno messo in pratica processi virtuosi di economia green. Con un parco veicolare di circa 9.000 autocarri, le 29 aziende che hanno ricevuto il riconoscimento hanno risparmiato complessivamente 3.355 tonnellate di CO2 – l’equivalente delle emissioni annuali di una flotta di 83 camion – e 1.224 tonnellate di materie prime, la quantità necessaria per produrre circa 17.500 pneumatici per autocarro. Lo scorso anno il produttore francese ha monitorato complessivamente 74 società di trasporto, con un parco veicoli di circa 26.500 unità. Il progetto è in continua evoluzione ed espansione. Dal prossimo anno, infatti, l’Attestato per la gestione sostenibile dei pneumatici potrà essere assegnato anche alle flotte non affiliate a Michelin Servizi e Soluzioni (che prevede il modello gestionale multi-vite) che ne abbiano fatto richiesta.

Ciò sarà possibile grazie al monitoraggio dei tecnici Michelin, mentre i processi di calcolo inerenti al rilascio del certificato saranno validati da Dekra.

L’iniziativa di Michelin Italia, nata con l’obiettivo di coinvolgere ed ispirare partner strategici nel campo della mobilità, mette in evidenza le aziende che hanno affidato la gestione del parco pneumatici al programma Servizi e Soluzioni di Michelin. Sono società che, attraverso l’oculata gestione delle coperture, hanno fornito un contributo all’efficienza del trasporto, con positive ricadute nei campi della sicurezza, ecologia e redditività. In termini numerici, la riscolpitura consente di estendere la percorrenza chilometrica del 25% e di ridurre il consumo di carburante di 2 litri ogni 100 km, come testimoniano i test effettuati da Michelin nel Centro ricerca e sviluppo di Ladoux validati da Dekra.

L’operazione di ricostruzione, invece, permette un risparmio medio di materie prime di circa 50 kg, a parità di prestazioni con un pneumatico nuovo, con un costo inferiore del 40%.

L’Attestato di sostenibilità poggia su dati oggettivi che derivano dalle misurazioni condotte sui pneumatici dei mezzi delle flotte di trasporto gestiti da Michelin. Attraverso una formula matematica messa a punto dal centro di Ricerca e Sviluppo di Ladoux, che tiene conto del tasso di riscolpitura, della percentuale di ricostruzione, del chilometraggio accumulato e del numero veicoli, viene calcolato il risparmio di CO2 e di materie prime. L’assegnazione dell’attestato è riconosciuta alle flotte che hanno raggiunto il livello soglia di riferimento, pari al valore medio delle aziende italiane gestite dal programma Servizi e Soluzioni.

Il Gruppo Michelin è impegnato a ridurre ove possibile e senza detrimento delle prestazioni, il peso degli pneumatici, le emissioni di CO2 generate dal loro impiego e il numero di coperture necessarie per ottenere la percorrenza desiderata. L’azienda è inoltre sempre più orientata verso riutilizzo e recupero dei materiali.

Secondo questo principio, tutti i pneumatici per autocarro della Casa francese sono ricostruibili e riscolpibili.

Allestimenti & Trasporti vi invita alla prima edizione del TCUBE – GIORNATE ITALIANE DELL’ALLESTITORE, a Piacenza dal 17 al 19 Ottobre 2024.

Per info sulla manifestazione: https://tcube-expo.it/richiesta-informazioni/

Latest article