sabato, 25 Maggio 2024

Scania amplia la propria flotta elettrica

Scania prosegue la sua campagna di elettrificazione, aumentando sempre di più la propria offerta di veicoli elettrici a batteria (BEV).
L’ultima novità è rappresentata dalle soluzioni adatte al mercato edile, con gli assi dei rimorchi accoppiati per permettere a scarrabili, ribaltabili e alle betoniere di svolgere il proprio lavoro senza rinunciare a trazione o capacità di carico.
Inoltre, sono state introdotte alcune novità riguardanti gli allestimenti e le prese di forza per l’impianto idraulico.

Stiamo costantemente aggiungendo sempre più valore per il cliente e scelte di specifiche con le nostre continue presentazioni. E i clienti ci ricompensano con crescente interesse poiché ora è ovvio quanto bene questi camion funzionino e si comportino nelle operazioni reali e quanto siano veramente apprezzati dagli autisti. Sentiamo costantemente storie di conducenti che all’inizio erano scettici, ma poi si sono innamorati dei propri veicoli elettrici“, ha commentato Fredrik Allard, Vicepresidente Senior e responsabile della mobilità elettrica di Scania.

Leggi anche: La protezione informatica degli autotrasporti è importante

Due modelli per ogni necessità

Le due versioni appena introdotte dalla casa svedese, l’EM C1-2 da 210 o 240 kW, sono perfette per ogni applicazione più disparata: dall’edilizia alle distribuzioni urbane, passando per la manutenzione stradale, grazie alla potenza ridotta ma efficace di cui i due modelli dispongono (285 o 326 CV).
Il cambio a due rapporti e il basso peso garantiscono molta coppia ed un’erogazione dolce ma decisa.

Se dovessi fare un confronto con un diesel, sarebbe l’equivalente del motore da 9 litri. È un tipo di veicolo elettrico che si adatta ad un numero infinito di applicazioni essendo leggera e flessibile, ma anche potente. Ha un singolo magnete permanente, due marce ed è davvero ricco di coppia per le sue dimensioni. Offre la guidabilità e l’affidabilità che ci si aspetta da un propulsore elettrico“, ha proseguito Allard.

Il fatto veramente notevole riguarda le batterie: secondo le dichiarazioni di Scania, i pacchi assemblati nello stabilimento svedese di Södertälje dureranno 1,3 milioni di chilometri, più dell’intera vita del camion. Inoltre, l’impronta di carbonio sarebbe pari ad un terzo rispetto a quella emessa dalle industrie comparate.

La transizione verso l’elettrificazione è imminente. Le ragioni per non procedere alla trasformazione vengono rapidamente risolte, mentre ogni giorno sono sempre più evidenti ai nostri occhi i motivi che possono indurci a compiere questo passo. Se a ciò si aggiungono le richieste dei legislatori e degli acquirenti dei camion e il fatto che i BEV sono amati dagli autisti, diventa ovvio il motivo per cui i camion elettrici domineranno il nostro settore“, ha concluso il Vicepresidente della casa svedese.

Allestimenti & Trasporti vi invita alla prima edizione del TCUBE – GIORNATE ITALIANE DELL’ALLESTITORE, a Piacenza dal 17 al 19 Ottobre 2024.

Per info sulla manifestazione: https://tcube-expo.it/richiesta-informazioni/

Latest article