giovedì, 18 Aprile 2024

Scania e Opere Salesiane, campus di formazione per i giovani meccatronici del trasporto futuro (e sostenibile)

Dalla collaborazione tra Scania Italia, Centro Nazionale Opere Salesiane (Cnos-fap) e agenzia Gi Group, nasce un programma d’eccellenza per la formazione di giovani tecnici specializzati nel campo della meccatronica. Il corso di formazione si chiama “L’Officina Scania dei Tecnici del Futuro” e offre un’opportunità reale di notevole interesse per tutti i neodiplomati che desiderino approfondire la propria conoscenza tecnologica soprattutto riguardo al settore automotive. Il progetto ha come obiettivo la formazione di professionisti negli ambiti della manutenzione, riparazione, installazione, assistenza tecnica e consulenza, con riferimento ai veicoli con motori e impianti eco-sostenibili, specialmente riguardo ai mezzi commerciali da trasporto pesante. Di titolarità della Fondazione ITS Lombardia Meccatronica, di cui il Cnos-fap è socio fondatore, il corso si colloca tra le attività formative IFTS in “Tecniche di installazione e manutenzione di impianti elettrici civili e industriali-Impianti meccatronici applicati a veicoli a motori eco-sostenibili”. Si tratta dunque di un’esperienza fortemente organizzata e strutturata, tanto da portare poi i soggetti partecipanti nella condizione di poter ottenere, a conclusione del percorso, un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Ma veniamo ai numeri. Il percorso formativo si compone di 550 ore di apprendimento in aula, accostate ad ore in laboratorio; 450 ore di affiancamento pratico a tecnici ed esperti. Cinque le regioni coinvolte nella campagna di comunicazione: Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Toscana ed Emilia Romagna. Otto i mesi di durata del corso. I moduli trattati sono molteplici: Tecnologia e Laboratorio Motoristico, Fondamenti di Meccatronica, Diagnosi elettronica e Officina 4.0, Fondamenti di Matematica e Inglese, Teamwork e Orientamento al Cliente. A completare il quadro, un approfondimento sui mezzi a zero emissioni locali con propulsione elettrica e ibrida e sui prodotti alimentati anche a biocarburanti: PES PAV-Patentino F-Gas; BEV FCEV (Batteri Electric Vehicle-Fuel Cell Electric Vehicle); Hybrid; Sistemi ADAS.

I ragazzi che hanno già superato la fase di selezione sono tutti ragazzi di età inferiore ai 25 anni, uno dei requisiti per accedere alle selezioni, insieme al possesso di un Diploma di istruzione secondaria o leFP, e residenza o domicilio nei pressi delle località specificate all’interno del progetto. Una delle particolarità del corso è la formula scelta per ospitare i ragazzi del programma. Essi, infatti, vivono un’esperienza in pieno stile Campus americano, condividendo il vitto e, per i fuori sede, anche l’alloggio presso il Centro Salesiano di Arese. Intense giornate di studio e di laboratorio sono intervallate da momenti di sport, gioco e convivialità. Il percorso prevede che già dopo le prime dieci settimane di formazione, gli allievi entrino nell’Officina Scania più vicina a casa, dove sono affiancati da tecnici esperti che li guideranno nell’effettuare i primi interventi.

Al termine del corso e a fronte del superamento dell’esame finale è rilasciato un Certificato di Specializzazione Tecnica Superiore dalla regione Lombardia riconosciuto in tutta Europa e un contratto di lavoro presso l’officina in cui hanno svolto la formazione pratica. Una grande iniziativa che punta a sviluppare “in casa” la nuova generazione di professionisti. Lavorando direttamente in una delle officine della rete Scania, i ragazzi, infatti, oltre ad imparare i segreti del mestiere, apprendono anche lo spirito aziendale, immergendosi delle procedure, conoscendo la visione ed i valori del marchio Scandinavo, per potersi sicuramente meglio integrare nella realtà lavorativa una volta superato l’esame.

(di Alice Magon)

Latest article